TORNA AL CATALOGO

NEL MARE DEL NULLA

METAFISICA E NICHILISMO alla prova della post-modernità

   

info@doncurzionitoglia.com

anno 2004 - pagine 125 - € 14

Per richiedere copie del libro rivolgersi a:

Società Editrice Barbarossa - c.p. 136 - 20095 Cusano Milanino (Milano) -

e-mail: barbarossasrl@tiscali.it

tel: (+39) 02 66400383 - fax: (+39) 02 66400423

 


Evitare il naufragio, ritornando al reale, è lo scopo pratico del presente libro. Infatti, lo scetticismo (peccando per difetto) critica la capacità della ragione umana di cogliere la realtà, servendosi della ragione stessa, e questo è contraddittorio; poichè la ragione umana in sé sarebbe fallace, mentre soltanto la ragione degli scettici dovrebbe essere verace, quando critica la ragione umana in quanto tale. D'altra parte l'idealismo (peccando per eccesso) presume di creare lui stesso la realtà, esso è prometeico (mette l'intelletto umano al posto di Dio) e perciò delirante. Invece la metafisica tomista afferma che la ragione può conoscere la realtà oggettiva, la quale esiste indipendentemente dall'uomo, non tutta e non perfettamente, ma pur sempre con certezza e senza deformarla. Quindi esiste la verità (che è l'adeguarsi dell'intelletto alla realtà) cui l'uomo può arrivare con sicurezza. "Il male di cui soffre il mondo moderno è innanzitutto intellettuale: l'agnosticismo" (San Pio X) e quello di cui soffre il mondo postmoderno è un aggravamento del primo: il nichilismo. Quindi il rimedio è restaurare l'intelletto umano e ridar forza alla volontà, tramite la metafisica aristotelico-tomistica. Oltre (e contro) il tomismo (filosofia dell'essere) vi è il nulla. Ora "ex nihilo, nihil fit". Perciò nel mare del nulla tutto affonda. Il nichilismo è autodistruttivo. Allontanarsi dalla metafisica tradizionale porta al nulla e alla disperazione autolesionista (nichilismo postmoderno), passando prima attraverso l'illusione allucinatoria dell'Io Assoluto che pretende di essere creatore della realtà, in un delirio di onnipotenza (idealismo moderno). Se non vogliamo perire, fuggiamo lo scetticismo e l'idealismo (modernità) che feriscono (per difetto e per eccesso) l'intelletto e poi anche il nichilismo che lo distrugge (postmodernità) e ritorniamo al reale e all'essere, con il buon senso.

Il nichilismo è triplice: 1° ) nichilismo metafisico: nega l'essere e la realtà; 2° ) nichilismo logico: nega la conoscibilità della realtà; 3° ) nichilismo morale: nega ogni regola etica e vuole abbattere tutti i valori.

Secondo il nichilismo alla base di tutto sta il nulla, non la realtà o l'essere; esso pretende reificare il non-essere, questa è la sua intrinseca contraddizione e malizia. Le sue conseguenze sono: A) la "morte di Dio" (l'Essere stesso sussistente) che ripugna; B) la negazione del fine ultimo, che porta alla demotivazione e alla disperazione; C) l'opinionismo, secondo cui tutti i giudizi (anche contraddittori) hanno pari dignità, poichè non esiste la verità e la certezza, ma solo il dubbio e l'opinione, con gravi conseguenze morali (o meglio a-morali).

L'esito della postmodernità è lo sprofondare nell'abisso del nulla, dopo la fase euforica della modernità che pretendeva di creare la realtà tramite l'Idea. Questo è lo scacco della filosofia moderna che ha prodotto il contrario (il Nulla) di ciò che si era prefisso (l'Assoluto).

I filosofi più significativi della postmodernità nichilista sono Schopenhauer, Nietzsche, Heidegger e Popper. Purtroppo l'Autore non ha trattato Freud e la "Scuola di Francoforte" che segnano l'apice del processo nichilistico individuale (Freud) e poi di massa ("Scuola di Francoforte"). Postmoderno non significa contro o dopo la modernità, ma solo una sua variante debole e il suo esito nichilistico. La postmodernità è un moderno abbacchiato, flebile, edonistico e consumistico. Esso aggrava la malattia intellettuale della modernità (idealismo razionalista) con l'irrazionalismo nichilista. La postmodernità è la fase patologica senile della modernità e ne segna il coma irreversibile. Essa è caratterizzata, più che dalla tolleranza, dall'indifferenza. Questo è l'iter dal "cogito" al nihil.

"Cogito, ergo nihil sum", poiché se il pensiero non ha l'essere come oggetto, anch'esso non esiste in quanto non ha basi su cui poggiare e quindi cade nel nulla.

Da "Divinitas", numero speciale 2004, p. 296

a cura di Monsignor  Brunero Gherardini

L'Autore, prete dal 1984, è uno studioso di non piccolo spessore. Il problema metafisico suscita in lui il massimo interesse e le sue pubblicazioni, non poche, lo dimostrano. Questa segue la stessa traiettoria e la sua lettura è quanto mai stimolante.

Il testo parte da una ragionata sintesi della filosofia dell'essere e dal realismo della conoscenza umana per poter guardare al loro contrario (l'irrealtà, il nulla, lo scetticismo) ed ai contrapposti errori della modernità (che pecca di presunzione) e della postmodernità (che pecca di disperazione). Studia quindi la filosofia del nulla, i maggiori nihilisti (Schopenhauer, Nietzsche, Heidegger, Guènon, Gentile, Popper), la "vera filosofia e le false ideologie" per concludere al "realismo tra presunzione e disperazione", cioè modernità e postmodernità.

Domina, sui vari passaggi di questa riflessione, il pensiero di San Tommaso come autentica filosofia dell'essere. A parte certe espressioni azzardate ("suicidario", p. 99) e giudizi d'una perentorietà mozzafiato, il libro deve dirsi riuscito soprattutto perchè scuote. Dinanzi all'ottundimento culturale cui nichilismo e postmodernità sono giunti, è salutare anche uno schiaffo; e tale sembra quello del bravo Nitoglia. Troverà sempre, tuttavia, chi gli volterà le spalle, convinto che il postmoderno non sia un esito negativo, anzi mortifero, ma uno sviluppo ed un guadagno; la stessa editrice Barbarossa promette una risposta alle tesi di Nitoglia (p. 6). Io la penso sostanzialmente come lui: per me, più ci si stacca dalla filosofia dell'essere, più si naufraga "nel mare del nulla".

ALTRI   TITOLI

٭DALLA SINAGOGA ALLA CHIESA

٭SIONISMO E FONDAMENTALISMO

٭GNOSI E GNOSTICISMO, PAGANESIMO E GIUDAISMO

٭ L'ESOTERISMO - l'auto divinizzazione dell'uomo...alla luce della metafisica tradizionale

٭PER PADRE IL DIAVOLO

٭FILOSOFIA TOMISTICA ACCESSIBILE A TUTTI

٭ CRITICA DEL PENSIERO FILOSOFICO alla luce della metafisica tomistica

 

٭ Dal Giudaismo rabbinico al giudeo-americanismo

 

٭ L'omicido rituale ebraico

 

٭ Commentario Nostra Aetate