ATTENZIONE  ALLE  “MEZZE VERITÀ

TORNA AL CATALOGO

DON CURZIO NITOGLIA

27 giugno 2009

http://www.doncurzionitoglia.com/mezze_veritas.htm

Documento disponibile anche in PDF 71 KB



 Prologo

 

Monsignor Herni Delassus diceva: «Oggi più che mai bisogna dire la verità, senza sotterfugi né strategie abili. [...] La morale è che le verità diminuite non sono la Verità e solo la Verità porta con sé la vita; e solo lei può darci la risurrezione a partire dallo stato comatoso in cui ci troviamo [...] Gesù ha confessato la Verità e con ciò ha vinto il mondo, anche se ciò gli è costata la morte di Croce» ([1]). E continuava: «Colui che, oggi, proclama la verità a metà, fa più danni di chi la nega risolutamente; abbiamo bisogno di Verità integrale. O la Fede, o l’Io. O il cristianesimo nelle anime e nella società; o l’orgoglio, l’invidia e tutte le passioni disordinate, che l’egoismo nasconde in sé, e che la rivoluzione scatena [...] tutto ciò che non è la piena, franca  e intera Verità religiosa non può nulla sul cuore dell’uomo, né può rimettere la Società civile sulla carreggiata” ([2]) .

 

Consigli pratici per “restaurare tutto in Cristo

 

1°) Per riformare la Società occorre prima riformare se stesso

(Nemo dat quod non habet). “Ogni cambiamento nella Società deve avere il suo primo principio nei cuori” ([3]).

 

2°) Ritornare ad un linguaggio sincero, fuggendo le parole equivoche

La parola esprime l’idea e l’idea la cosa. Quindi se vogliamo parlare di cose reali, e non di chimere astratte, dobbiamo usare parole che esprimano l’essenza delle cose. Dobbiamo adeguare il nostro linguaggio e la nostra mente alla realtà, dare alle parole il loro vero significato, solo così arriveremo alla verità (Veritas est adaequatio rei et intellectus), senza ricadere nell’errore nominalista.

Quindi sarà necessario rifiutare la ‘fraseologia corruttrice e confusionaria’ della filosofia moderna e idealista, che confonde le idee e corrompe la verità. I sovversivi “hanno fatto adottare le parole corruttrici; per mezzo di esse insinuano idee false e corrotte, e le idee preparano la via ai fatti sediziosi e rivoluzionari” ([4]).

 

3°) Ritornare alla piena verità filosofico-teologica

L’errore attuale è la negazione del peccato originale. L’Uomo è “Immacolato”, quindi non ha bisogno di redenzione, di Cristo, di Chiesa, di Sacerdozio, di Grazia; gli basta la sola natura che è semi-deificata. Invece occorre diffondere “il catechismo nelle masse, la filosofia perenne e la teologia scolastica nelle classi istruite: soltanto a questo passo si può ottenere la salute []. O la Fede o l’Io. O l’impero del cristianesimo [...]; o l’orgoglio, l’invidia e tutte le passioni che l’egoismo racchiude e la Rivoluzione scatena” ([5]).

 

4°) Incoraggiare l’uomo allo sforzo

La stasi debilita, lo sforzo vivifica! La pigrizia è un vizio funesto perché arresta lo sviluppo dell’individuo, della famiglia e della Società umana. “L’uomo che non ha più da lavorare e combattere si corrompe, e così la nazione” ([6]). In breve: “l’ozio è il padre dei vizi” e “Bacco, Tabacco e Venere, riducono l’uomo in cenere”, dice il proverbio.

 

5°) Chi può, dopo Dio, o meglio, per mezzo di Dio, riprodurre tutto ciò?

“Colui che è stato chiamato una prima volta a ristabilire sulla verità l’ordine sociale [...]: l’uomo della teologia, il prete [...] Ma per essere all’altezza di quest’opera, bisogna che il prete riprenda confidenza in se stesso, o meglio nella virtù soprannaturale che la S. Ordinazione ha deposto in lui” ([7]).

 

Considerazioni sanamente “pastorali”

 

“L’instaurazione del regno di Cristo nella Società, è una mèta di cui si devono occupare tutti i fedeli [...]. Prima di ogni altra cosa è necessario che Cristo regni nelle nostre anime [...] poi nella nostra famiglia [...]. Segnaliamo l’influenza nefasta che svolgono nell’ambiente familiare la televisione, i rotocalchi, i libri leggeri o addirittura immorali. Le buone famiglie possono unirsi in gruppi sociali più ampi: “Guai al solo” dice la S. Scrittura. Così da tante famiglie cristiane può nascere una Società cristiana, come è già successo nei secoli passati. [...] I cristiani debbono agire nella vita pubblica, allo scopo di impedire l’approvazione di leggi contrarie alla fede e alla morale cristiana [...] In realtà, molti di noi, colti da scoraggiamento e rilassamento, pensano che la Provvidenza di Dio si sia rivelata insufficiente ad arginare la malizia in cui oggi il mondo si trova sommerso. Anche se non abbiamo il coraggio, o meglio, la stoltezza di dirlo apertamente, di fatto pensiamo che l’apostasia della Società, sia tanto profonda che oramai non è più possibile parlare del Regno sociale di Cristo! […], Il naturalismo ci ha condotti a confidare solo nelle forze umane e a dimenticare l’onnipotenza della grazia [...].

 

Per concludere: Ci possono mancare tutti i mezzi per diffondere il Regno di Cristo: scienza, salute, carisma personale, capacità di essere trascinatori di folle o come si dice oggi di essere dei ‘leaders’, tutto insomma; ma il gran mezzo della preghiera non ci manca mai ” ([8]).

Un proverbio fiammingo dice: “son più forti due mani giunte in preghiera, che due pugni pronti a colpire”! Anche se l’uno non esclude l’altro, ma debbono essere gerarchicamente subordinati.

 

La Madonna può farci vincere la peste dell’età moderna

Il cardinal Alfredo Ottaviani, scriveva, non molto tempo fa: “Maria ai nostri tempi: la Società moderna è travagliata da una febbre di rinnovamento che fa paura ed è infestata da uomini che si prevalgono di tanta nostra sofferenza per costruirvi l’impero dei loro arbitri, la tirannide dei loro vizi, il nido delle lussurie e delle rapine. Mai il male ha assunto caratteristiche tanto vaste e apocalittiche, mai abbiam conosciuto altrettanto pericolo. Da un’ora all’altra noi possiamo perdere non la vita soltanto, ma tutta la civiltà e ogni speranza [...]. Sembra che anche a noi il Signore dica ‘non è ancor giunta la mia ora ’, ma l’Immacolata, la madre di Dio, la Vergine che è l’immagine e la tutela della Chiesa, Essa ci ha dato, già a Cana, la prova di saper e poter ottenere l’anticipo dell’ora di Dio.

E noi abbiamo bisogno che quest’ora venga presto, venga anticipata, venga resa immediata, poiché quasi potremmo dire: ‘O Madre, noi non ne possiamo più!’ [...]. Per i nostri peccati noi meritiamo gli ultimi eccidi, le più spietate esecuzioni. Noi abbiamo cacciato il suo Figlio dalle scuole e dalle officine, dai campi e dalle città, dalle vie e dalle case. L’abbiam cacciato dalle stesse chiese [...] abbiamo preferito Barabba. È veramente l’ora di Barabba [...] Con tutto ciò, fiduciosi in Maria, sentiamo che è l’ora di Gesù, l’ora della redenzione [...] Dica Maria, come a Cana: ‘Non hanno più vino ’; e lo dica con la stessa potenza d’intercessione e se Egli esita, se si nega, vinca le sue esitazioni come vince, per materna pietà, le nostre indegnità. Sia Madre pietosa a noi, Madre imperiosa a Lui. Acceleri l’ora sua, che è l’ora nostra. Non ne possiamo più, o Maria. L’umana generazione perisce, se tu non ti muovi. Parla per noi, o silenziosa, parla per noi, o Maria! ” ([9]).

 

 

Conclusione

 

Soprattutto ora, con la recrudescenza del neo modernismo, non ci si deve illudere di poter “restaurare tutto in Cristo” (s. Pio X) se non si parla chiaro e forte, senza paura del livore dei nemici e sotto apparenza di falsa prudenza, tacere su questioni scottanti, che potrebbero sembrare non direttamente connesse al dogma, ma che al contrario sono di vitale importanza per la sua affermazione o negazione. Una di esse riguarda il dialogo inter-religioso specialmente col giudaismo, che si è fatto breccia nella Chiesa grazie al tema della ‘shoah’, presentata da Jules Isaac a Giovanni XXIII e al card. Agostino Bea, e della quale ci si è serviti come “piede di porco” per scardinare ed entrare nell’assise conciliare onde portare confusione, fumo e oscurità in ambiente ecclesiale. Solo andando all’origine del male lo si potrà debellare, dicendo tutta la verità senza annacquamenti.

 

d. Curzio Nitoglia
 

27 giugno 2009

 

http://www.doncurzionitoglia.com/mezze_veritas.htm

 

Documento disponibile anche in PDF 71 KB

 


[1]) H. Delassus, Vérités sociales et erreurs démocratiques, Desclée, de Brouwer, Lille, 1909, rist. 1986 éd. Sainte Jeanne d’Arc, Villegenon, pp. 384-391.

[2]) Ibidem, pp. 399-400.

[3]) H. Delassus, Il problema dell’ora presente. Antagonismo tra due civiltà, II vol., La rinnovazione e le sue condizioni, Roma, Desclée, 1907, pag. 156.

[4]) Ibidem, pp. 201.

[5]) Ibidem, pp. 304 e 324. 

[6]) Ibidem, pag. 470.

[7]) Ibidem, pag. 629 e 624.

[8]) A. De Castro Mayer, Carta Pastoral sobre a Realeza de Nosso Senhor Jesus Cristo, 8 dic. 1976,  ed. Vera Cruz, San Paolo, 1977.

Cfr. anche:

A. De Castro Mayer, Problemi dell’apostolato moderno, Napoli, Dall’Albero, 1964, cap. VI, Sul razionalismo, sull’evoluzionismo, sul laicismo. Cap. VII, Sulle relazioni tra Stato e Chiesa. Cap. VIII, Su questioni politiche, economiche e sociali, pagg. 83-111.

[9]) A. Ottaviani, Il baluardo, Ares, Roma, 1961, pagg. 279-283.